Carlo Goldoni
L'amore artigiano

ATTO TERZO

SCENA ULTIMA   Titta, poi Madama Costanza e Fabrizio, poi Bernardo e Angiolina, poi Rosina e Giannino

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA ULTIMA

 

Titta, poi Madama Costanza e Fabrizio, poi Bernardo e Angiolina, poi Rosina e Giannino

 

TIT.

Che diancine d'imbrogli

Ci sono in questa casa?

Vado su, vengo giù, nessun mi bada.

Meglio dunque sarà ch'io me ne vada.

 

 

 

 

 

 

COST.

} a due

Mastro Titta, a voi lo dico

Come amico di buon cor:

Della cara padroncina

Son marito e servitor.

 

 

 

 

FABR.

 

 

 

 

 

 

TIT.

Buon pro faccia al cameriere.

Viva, viva il dio d'Amor.

 

 

 

 

 

 

BERN.

} a due

Mastro Titta, nol sapete?

Noi ci siam sposati or ora,

E contento è il nostro cor.

 

 

 

 

 

ANG.

 

 

 

 

 

 

TIT.

Viva, viva il vecchiarello,

Viva, viva il dio d'Amor.

 

 

 

 

 

 

GIAN.

} a due

Mastro Titta, finalmente

Siamo qui marito e moglie,

E contento è il genitor.

 

 

 

 

 

ROS.

 

 

 

 

 

 

TIT.

Cospettone... No, non voglio

Più gridare e far rumor.

Viva, viva il dio d'Amor.

 

 

 

 

 

 

 

 

TUTTI

 

 

 

 

 

 

 

 

Viva, viva il dio d'Amore

Che consola i petti umani,

E nel cor degli Artigiani

È più schietto, ed è miglior.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Fine del Dramma.

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License