Carlo Goldoni
Amore in caricatura

ATTO PRIMO

SCENA SESTA   La Contessa sola.

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA SESTA

 

La Contessa sola.

 

 

Dell'inutil pianeta

Caso per me non faccio:

Scaldi pure chi vuol, ch'io son di ghiaccio.

Lo godo e me ne rido;

Fa con tutte il Cupido, io per mia parte

Venere non sarei, s'ei fosse Marte.

 

Come l'ape intorno ai fiori,

Va girando il poverino;

Or s'attacca al gelsomino,

Or la rosa vuol succhiar.

Nel giardin di giovinezza

Ancor io sono un fioretto;

Ma da me, te lo prometto,

Non v'è niente da beccar. (parte)

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License