Carlo Goldoni
Amore in caricatura

ATTO SECONDO

SCENA PRIMA   Camera in casa della Baronessa Olimpia.   La Baronessa Olimpia e Don Possidario

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

ATTO SECONDO

 

 

 

SCENA PRIMA

 

Camera in casa della Baronessa Olimpia.

 

La Baronessa Olimpia e Don Possidario

 

OLIM.

(Ecco don Possidario;

Eccolo qui di nuovo. Quasi, quasi,

Per compassion mi sento

Disposta in suo favore a dichiararmi). (da sé)

POSS.

(Della sua crudeltà vo' vendicarmi). (da sé)

OLIM.

Signore, a quel ch' i' vedo,

Siete mortificato.

POSS.

Io? V'ingannate.

OLIM.

S'è ver che voi mi amate,

Qualche prova d'amor richiedo e bramo.

POSS.

Perdonate, signora, io più non v'amo.

OLIM.

Come! L'amor sì presto

Svanì dal vostro petto?

POSS.

Obbedisco al precetto;

Se troppo v'annoiai, chiedo perdono:

Da voi venuto a congedarmi or sono.

OLIM.

Oh, via, don Possidario,

Vo' che pace facciam. (Per verità,

Con troppa crudeltà trattai finora.

Non mi piace, egli è ver, ma alfin mi adora). (da sé)

POSS.

(Ah sì, la Baronessa

Arde, more per me. Scoperto ho il foco,

Ma scaltro anch'io vo' tormentarla un poco). (da sé)

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License