Carlo Goldoni
L'amore paterno

ATTO PRIMO

SCENA SESTA   Arlecchino e detti.

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA SESTA

 

Arlecchino e detti.

 

ARL. Sior Pantalon, la reverisso.

PANT. (Oimei! Costù me vien a amareggiar la consolazion). Ve reverisso, sior Arlecchin.

ARL. Alo fatto bon viazo?

PANT. Cussì e cussì. (Aspetè, no andè via). (a Clarice)

ARL. Èla presto de partenza?

PANT. No so gnanca mi. Spero quanto prima.

ARL. La vada a bon viazo. La staga ben, la se conserva, e la me scriva, che averò gusto de saver che la staga ben.

PANT. Sì che donca co ste cerimonie me disè che vaga via.

ARL. No disel che el partirà quanto prima? Mi veramente aveva dito a Camilla, che aveva piaser che sior Pantalon favorisse de restar qua altre vintiquattr'ore, ma col va via quanto prima, el ne vol privar più presto delle so grazie.

PANT. No, caro amigo, no v'indubitè gnente, no son ingrato alle vostre finezze. Resterò qua vintiquatt'ore, vintiquattro mesi, fin che volè.

ARL. Troppe grazie, sior Pantalon, troppe grazie. Mi la conseggio de partir subito, avanti che vegna la cattiva stagion.

PANT. (Debotto me vien voggia de chiapparlo per el collo, e de strangolarlo). (a Clarice)

CLAR. (No, signor padre, non v'inquietate. Egli finalmente non è il padrone di questa casa).

PANT. (Tanto più el me fa rabbia. Se el fusse el patron, no gh'averave ardir de parlar).

ARL. Èla questa una delle so fiole? (a Pantalone)

PANT. Sior sì, la xe mia fia.

ARL. La virtuosa de musica?

PANT. Sior no, la virtuosa de lettere.

ARL. Me consolo infinitamente della so bella virtù. La diga, signora, intendela ben el francese, sala parlar francese?

CLAR. No, per mia sfortuna l'intendo poco, e lo parlo meno.

ARL. Cossa fala qua donca? Mi la conseggio de andar via, de tornar in Italia. La pol esser brava quanto che la vol, se no la se sa far intender, no la farà gnente.

PANT. Ghe xe dei italiani, e ghe xe dei signori francesi che intende benissimo l'italian.

ARL. No la farà gnente, no serve gnente: el gusto della nazion xe una cossa particolar, no la farà gnente.

CLAR. Voi dite benissimo. Ogni nazione ha il suo gusto particolare, e quello de' francesi è il più difficile, è il più delicato di tutti. Io non sono qui per farmi merito, né per far fortuna; mi basta di essere compatita.

ARL. No i la compatirà.

CLAR. Non mi compatiranno? E perché?

ARL. Perché i dirà: qua semo in Franza, e se no savè el gusto de Franza, dovevi restar in Italia.

CLAR. Voi non mi metterete per questo in disperazione. Non sono qui venuta di mia volontà. Mi ha condotto mio padre, ma ci son venuta col maggior piacere del mondo, per vedere e godere la più bella metropoli dell'universo; è poco ch'io sono qui, ma ho ricevuto finora tante finezze, che sono contentissima d'esser venuta. La cortesia de' signori francesi è nota e commendata per tutto. Trovo io medesima più di quello ancora, che mi è stato promesso. E se il mio scarso talento non mi può mettere in istato di acquistar lode, la buona volontà non può mai essere biasimata, e son certa, certissima, di essere almen compatita. (parte)

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License