Carlo Goldoni
L'amore paterno

ATTO SECONDO

SCENA OTTAVA   Angelica e detti.

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA OTTAVA

 

Angelica e detti.

 

ANGEL. Serva umilissima di lor signori.

SILV. (S'alza e la saluta senza parlare)

CEL. Riverisco la signora Angelica. Come sta di salute?

ANGEL. Bene per obbedirla.

SILV. Anche a lei domandate come sta di salute? (a Celio)

CEL. E perché non glielo dovrei domandare?

SILV. Il suo volto può dispensarvi da una sì stucchevole interrogazione.

CEL. (Ecco un uomo noioso, che pretende di voler riformare il costume).

ANGEL. S'accomodino, non istiano in piedi per me.

CEL. Sedete, se volete che noi sediamo.

ANGEL. Ben volentieri. (vuol sedere nel mezzo)

SILV. Signora, scusatemi. Questo è il vostro luogo. (le accenna la sedia presso la spinetta)

ANGEL. Quando dovrò cantare.

CAM. Andate, andate, signora. L'ora è tarda, e se volete favorire questi signori, non vi è tempo da perdere. (ad Angelica)

ANGEL. Non c'è mio padre? (piano a Camilla)

CAM. Non si è ancora veduto.

ANGEL. Fate il piacere di ricercarlo, e ditegli che venga qui. (va a sedere alla spinetta, alla dritta di Silvio)

CAM. Ben volentieri. Sono due giovani bene educate, non può loro mancare fortuna. Io però mi fido più del signor Silvio che del signor Celio. Mi pare che il signor Celio abbia un poco troppo del petit-maître. (parte)

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License