Carlo Goldoni
L'amore paterno

ATTO SECONDO

SCENA DODICESIMA   Arlecchino, poi Camilla, e detti.

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA DODICESIMA

 

Arlecchino, poi Camilla, e detti.

 

ARL. Con licenza de lor signori.

CAM. Fermatevi, non fate scene.

ARL. Sento che i se diverte con delle belle poesie. Son qua anca mi, se i se contenta, a recitarghe una composizion.

PANT. (Oimei, ogni volta che vedo costù, me vien el spasemo).

CAM. Arlecchino, abbiate giudizio per carità.

ARL. Tasi, e ascolta anca ti sta bella composizion.

FLOR. Sentiamo lo spirito d'Arlecchino.

PETR. Sentiamo.

ARL. Le senta l'armento della canzon. Una donna ha promesso a un galantomo de torlo per marido; sto galantomo vuol che la sposa fazza a so modo, e la sposa no lo vol far. Nol vuol che la tegna zente in casa, e ela ghe ne vol tegnir. Nol vol conversazion, e ela vol far conversazion. Mi son el galantomo, Camilla xe la la sposa, lor signori xe quelli che mi no voleva, e che ela vol. Questa xe la canzon. (tira fuori una carta) El contratto de nozze. Questa xe la musica: el contratto strazzà, el matrimonio desfatto, e bona notte padroni. (in atto di partire)

CAM. No, Arlecchino, fermati...

ARL. No gh'è altro Arlecchin. La canzon xe , la musica xe fenia. Vado a Bergamo, e no se vederemo mai più. (parte)

CAM. Oh povera me! sono disperata. Per causa vostra ho perduto il mio caro Arlecchino. (a tutti)

CEL. Se per causa nostra vi è avvenuto questo male, è giusto che noi rimediamo. Andiamo, signor Silvio, a procurar di trattenere Arlecchino.

SILV. È giusto. All'onore di riverirvi. (ad Angelica, e parte)

CEL. Signora Clarice, scusatemi... sarò da voi. (Sono sempre più incantato del di lei merito). (parte)

FLOR. C'entriamo noi in quest'imbroglio? (a Camilla)

CAM. Tutti mi avete rovinata. Tutti d'accordo mi avete precipitata.

FLOR. Andiamo, amico; questo è un nuovo soggetto per un madrigale. (a Petronio, e parte salutando tutti)

PETR. Non vorrei che toccasse a me l'incomodo di sentirlo. (saluta, e parte)

CLAR. Possibile, Camilla, che per causa nostra...

CAM. Lasciatemi stare per carità.

CLAR. (La sorte non vuol cessar di perseguitarmi). (parte)

ANGEL. Camilla, vi compatisco, e mi dispiace che per nostra cagione...

CAM. Ma non mi tormentate d'avantaggio.

ANGEL. Pazienza. Sarà di noi quel che il cielo destinerà. (parte)

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License