Carlo Goldoni
Gli amanti timidi

ATTO PRIMO

SCENA PRIMA   Arlecchino solo.

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

ATTO PRIMO

 

SCENA PRIMA

 

Arlecchino solo.

 

Ripulisce un abito disteso sopra un tavolino ch'è ben innanzi, e facendo le sue incombenze, parla come segue:

 

ARL. Dise el proverbio: o servi come servo, o fuggi come cervo: no voggio ch'el me patron s'abbia da lamentar de mi. Ghe piase la pulizia, e amo anca mi la nettìsia. E po el xe cussì bon, ch'el merita de esser servio de cuor. Qualche volta el par un pochetto fantastico; ma un omo che xe innamorà, el gh'ha delle ore bone e delle ore cattive. (porta l'abito sull'altro tavolino, e prende il cappello per ispazzarlo) So mi, che brutta bestia che xe l'amor. Ma mi son più bestia de lu. Xe do mesi che son in sta casa, do mesi che semo qua mi e el me patron, ben visti, ben trattadi, e ben alozai: el me patron fa anca un pochetto l'amor colla patroncina de casa; e mi non gh'ho coraggio de dirlo alla cameriera, e moro, e crepo, e me desconisso per una che no lo sa, e che probabilmente no ghe pensa gnente de mi. (rimette il cappello a suo luogo, poi ritorna pensoso) Come mai poderàvio far a saver se la me vol ben, o se no la me vol ben? Se no ghe lo domando, non la me lo dirà, e mi non gh'ho coraggio de scomenzar. Se la me dasse qualche motivo... Se la me vardasse qualche volta con un poco de distinzion; ma sior no, no la m'ha mai un'occhiada... una de quelle occhiade che digo mi. No posso assicurarme de gnente. Ma no gh'ho gnanca rason de desperarme. Se savesse scriver, rischierave una lettera. Ma per mia disgrazia, mio padre e mia madre no i savevalezer, né scriver, e no i ha volesto che so fio sia più virtuoso de lori. Xe vergogna che un omo della mia sorte non sappia scriver e in st'occasion la me despiase piucché mai. Imparar a scriver? Xe tardi. Farme scriver da qualchedun? Non voggio confidarme con chi se sia. La più curta xe de farme animo, e dirghe i mi sentimenti. Sior sì, bisogna farlo assolutamente... Ma co sarò ... Maledetta la mia modestia! Son seguro che no farò gnente.

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License