Carlo Goldoni
Gli amanti timidi

ATTO SECONDO

SCENA SETTIMA   Arlecchino solo

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA SETTIMA

 

Arlecchino solo

 

ARL. Che fazza quel che voggio? Che lo butta via? Piuttosto che riceverlo, la se contenta che lo butta via? Possio esser più desprezzà de quel che son? Me porla trattar de pezo? Povero Arlecchin! Almanco, co no saveva gnente, sperava, me lusingava, e diseva: chi sa? Ma adesso? son chiaro, son confuso, son desperà. Maledetto ritratto! Causa ti, maledetto! Se no ti gieri ti, se non avesse parlà de ti, no averave savesto gnente; me poderia ancora lusingar. Ti è causa ti; ti ti m'ha sassinà, ti m'ha rovinà. (lo getta per terra) Maledetto ritratto! Maledetto el pittor che l'ha fatto! (lo calpesta)

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License