Carlo Goldoni
Gli amanti timidi

ATTO SECONDO

SCENA NONA   Arlecchino solo.

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA NONA

 

Arlecchino solo.

 

ARL. Andemo donca, presto, subito. Fenimo de far el baul. Andemo a tor la mia roba in te la mia camera, e che se fenissa el baul, e che presto se vaga via... Ma prima me vorave almanco chiarir... Vorria saver chi ha tolto el mio ritratto che giera su quel taolin... Carlotto m'ha zurà, m'ha protestà che nol l'ha visto, che nol l'ha tolto. E po, cossa vol far Carlotto del mio ritratto? E Camilla? Camilla l'ha refudà. Ma cossa ala refudà? El mio o quello del mio patron? L'ala visto, o no l'ala visto el ritratto che ghe voleva dar? Se no la l'ha visto, l'ha inteso de refudar el mio, e no gh'è da sperar gnente per mi; se la l'ha visto, l'averà visto che nol giera el mio, e no disendome gnente, la s'ha burlà anca ela de mi. Povero Arlecchin! Poveri ritratti! Quello del patron calpestà. E el mio?... e el mio? el diavolo l'ha portà via. (parte)

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License