Carlo Goldoni
Gli amanti timidi

ATTO TERZO

SCENA QUINTA   Arlecchino solo.

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA QUINTA

 

Arlecchino solo.

 

ARL. Gran amor, gran amicizia ch'el gh'ha per mi! Mi non l'averia mai credesto. Me par però ch'el sia scaldà un poco troppo, e ch'el me podeva dar la mia lettera... Ma no; l'ha fatto ben. Che utile ghe n'averàvio cavà, se l'avesse fatta véder a Camilla? O che l'averia negà, o che l'averave ridesto de mi. Ma podeva tegnirla... e per cossa? Per farla lezer a qualcun altro, e un'altra volta rabbiarme, e renderme un'altra volta ridicolo? Pazienza. Dise ben el proverbio: No te conosso, se no te pratico. Chi mai averia credesto quella zovene cussì modesta, in apparenza, cussì bona, cussì cortese... Eh! certo, certo l'ha recusà el ritratto per superbia, e po la me l'ha tolto per malignità. Ecco qua la causa del mio deliro, dei mi affanni, dei mi malani. (tira fuori di tasca il ritratto) No lo voggio più; ch'el vaga al diavolo; lo butterò... Sì, lo butterò in t'un pozzo. (agitando la mano colla quale tiene il ritratto, sente dentro muoversi qualche cosa, e per assicurarsi lo accosta all'orecchio, e lo scuote) Coss'è sto negozio? (torna a scuotere) Anca sì, che per farme despetto la l'ha anca rotto? No gh'ho abadà... Vedemo. (apre) No, el ritratto xe intiero. (scuote) Ghe xe qualcossa sotto l'avorio. (leva la figura) ! bezzi. Sie zecchini! La me manda el ritratto, perché no la sa cossa farghene; la me dise in te la lettera centomile insolenze, e la me dona dei bezzi? Ste do cosse no le se accorda. Ho paura che Carlotto m'abbia ingannà; che savendo la mia ignoranza el m'abbia burlà, o per malignità, o fursi fursi per zelosia de Camilla. Chi sa che nol sia innamorà de ela? Camilla lo merita, el xe servitor de casa; ma che alocco che son! A sta cossa no gh'ho mai pensà, e el doveva preveder, e ghe doveva pensar assolutamente; costù m'ha fatto la baronada. Se podesse... sti pezzi de carta... se i se podesse unir!... Li faria lezer a qualcun altro. Vedemo un poco, se se podesse vegnir in chiaro. (va i pezzi di carta che sono sparsi qua e per la scena)

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License