Carlo Goldoni
L'adulatore

ATTO PRIMO

SCENA SETTIMA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA SETTIMA

 

Arlecchino e detta.

 

ARL. (Entra senza parlare, e va bel bello dove sono i fiori; li guarda con attenzione e sospira)

LUIG. Chi ti ha insegnato le creanze? Vieni e non ti cavi il cappello?

ARL. (Senza parlare prende i fiori, li osserva e sospira)

LUIG. Ti spiace vedere strapazzati quei fiori, che tu hai donati alla tua favorita?

ARL. (Sospirando e piangendo torna a buttar i fiori in terra, con una esclamazione)

LUIG. Possibile che quei fiori ti facciano piangere e sospirare?

ARL. No pianzo per quei fiori, no sospiro per lori.

LUIG. Dunque perché fai tante smanie?

ARL. Pianzo per vu, sospiro per causa vostra.

LUIG. Per me? Spiegati, per qual cagione?

ARL. Quella povera rosa stamattina a bonora l’era bella, fresca e odorosa; adesso l’è fiappa, pelada, strapazzada. Pianzo, perché un zorno l’istesso sarà anca de vussignoria. (parte)

LUIG. Temerario briccone. Ehi, chi è di ?

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License