Carlo Goldoni
Gli amori di Zelinda e Lindoro

ATTO PRIMO

Scena Diciannovesima. Don Flaminio e Fabrizio

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

Scena Diciannovesima. Don Flaminio e Fabrizio

 

FLA. Tu m'ingannavi dunque, tu ti prendevi gioco di me?

FAB. Signore, credete voi a tutto quello ch'avete inteso?

FLA. Sì, lo credo anche troppo. Sei un perfido, uno scellerato, e troverò la via di mortificarti.

FAB. Se avrete la bontà di ascoltarmi...

FLA. Sì, se ti ascoltassi, non ti mancherebbero dei pretesti, delle menzogne.

FAB. (Io sono nel più grand'imbarazzo del mondo.)

FLA. (A costo di tutto, non vuo' perder di vista la mia adorata Zelinda.)

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License