Carlo Goldoni
Gli amori di Zelinda e Lindoro

ATTO PRIMO

Scena Ventesima. Don Roberto e detti

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

Scena Ventesima. Don Roberto e detti

 

ROB. (Non avrei mai creduto che mio figliuolo... Eccolo , con quell'altro ipocrita disgraziato.)

FAB. (Povero me! il padrone!)

FLA. (Ecco mio padre. Oh cieli! Chi sa, se sarà istruito?)

ROB. Fabrizio!

FAB. Signore!

ROB. Ritiratevi!

FAB. Signor padrone...

ROB. Andate via, vi dico. Ho da parlare con mio figliuolo.

FLA. (Ah ci sono!)

FAB. (accennando Don Flaminio, e parte) (Conviene obbedire. Chi sa che tutta la colpa non sia rovesciata sopra di lui.)

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License