Carlo Goldoni
Gli amori di Zelinda e Lindoro

ATTO TERZO

Scena Sedicesima. Donna Eleonora, Don Federico e detti

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

Scena Sedicesima. Donna Eleonora, Don Federico e detti

 

FED. Venite, signora, che il signor Don Roberto desidera di abbracciarvi.

ELE. S'ei lo desidera... (Ma qui ancora costei!)

ROB. Consorte carissima, è inutile l'esaminare se voi od io lo desideriamo. In ogni caso facciamo tutti due il nostro dovere. Una sola condizione io pongo al piacer della nostra unione, ed è che tolleriate in pace questa buona, questa savia, quest'onorata fanciulla.

ELE. (Il sottomettermi è cosa dura, ma la necessità mi consiglia.)

FED. Che dite, signora mia? avete obietti in contrario?

ELE. No, sono ragionevole... sono umana... Mi fido del buon carattere di mio consorte... la credo onesta... la credo innocente... Resti pure, ch'io ne sono contenta. (dissimulando)

ZEL. Lodato il cielo. Vi ringrazio di cuore, e vi prometto tutta l'attenzione e il rispetto... Sento gente. Sarebbe mai il mio Lindoro?... (da sé) (Ah no, è quell'importuno di Don Flaminio.)

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License