Carlo Goldoni
L’apatista

ATTO SECONDO

SCENA SESTA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA SESTA

 

Il Cavaliere e detti.

 

CAVALIERE:

Seguite,

Anime innamorate, per me non vi smarrite;

Un uom compassionevole, un galantuomo io sono,

Agli accidenti umani, alle passion perdono.

LAVINIA:

Signor, la mia condotta giustificar desio.

PAOLINO:

Pria di giustificarvi, preceda il partir mio.

Cavalier, lo confesso, lo dico a mio rossore,

Col manto d'amicizia qui mi ha condotto amore:

Parto in questo momento; perdono a voi domando.

CAVALIERE:

No, partir non dovete; vi priego, e vel comando.

S'è ver che meco siate reo di qualche delitto,

Questo lieve castigo da me vi vien prescritto:

Per questo giorno almeno meco restar dovete;

Quando vel dica io stesso da queste soglie andrete.

PAOLINO:

La dolcissima legge di sofferir non sdegno,

Spero pietà e perdono da un cavalierdegno.

Faccia di me la sorte quello che far destina,

Al voler delle stelle il mio voler s'inchina. (Parte.)

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License