Carlo Goldoni
L’apatista

ATTO QUARTO

SCENA SESTA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA SESTA

 

Fabrizio ed il Cavaliere che torna.

 

 

FABRIZIO:

Signor. (Chiamando il Cavaliere.)

CAVALIERE:

Che c'è di nuovo?

FABRIZIO:

La lettera ho recata

Io stesso, e la risposta in voce ho riportata.

CAVALIERE:

Che disse il formidabile signor Giacinto?

FABRIZIO:

Udite;

Se ben me ne ricordo, ve lo dirò, stupite.

Vanne dal Cavaliere, di' che uom di valore

Saprà fra quelle mura venir senza timore.

Digli che or or mi aspetti; digli che non pavento

Gli ospiti e i servi loro, se fossero anche cento.

Digli poi ch'io mi fido della parola data,

Ch'io non vuò per paura condur la gente armata.

Ma sol perché si vegga, s'io merito rispetto,

Condurrò i miei seguaci del Cavalier nel tetto. (Procura imitare la caricatura di Giacinto.)

CAVALIERE:

Egli non ha timore, ma un poco di spavento.

Venga pur, ch'io mi voglio pïgliar divertimento.

FABRIZIO:

Sento rumor.

CAVALIERE:

Che fosse?...

FABRIZIO:

Eccolo, appunto è desso.

Son preparati i servi, vo a prepararmi io stesso.

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License