Carlo Goldoni
L'adulatore

ATTO PRIMO

SCENA DECIMA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA DECIMA

 

Colombina e detta.

 

COL. Eccellenza, or ora il signor Conte verrà.

LUIG. Benissimo, non occorr’altro.

COL. (I miei fiori! Oh poveri i miei fiori!) (vedendoli in terra)

LUIG. Tira avanti due sedie.

COL. La servo. (nel metter l’ultima sedia, s’abbassa per prenderli)

LUIG. Lascia .

COL. (Col piede della sedia li pesta rabbiosamente)

LUIG. Che cosa fai?

COL. Questa sedia non vuole star ritta. (come sopra)

LUIG. Eh rabbiosetta, veh!

COL. (Possano diventar tanti diavoli, che le saltino per il guardinfante). (da sé, parte)

LUIG. Non so se don Sigismondo avrà ancora parlato col Conte, a tenore del mio discorso. Basta, mi conterrò diversamente con lui, e s’egli ha della soggezione a dichiararsi per me, gli farò coraggio. Eccolo che viene.

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License