Carlo Goldoni
L'arcadia in Brenta

ATTO TERZO

SCENA NONA   Madama Lindora, poi Giacinto

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA NONA

 

Madama Lindora, poi Giacinto

 

LIND.

Povero Conte! Al certo riderei,

Se non mi fesse il rider tanto male.

GIAC.

Madama, siete attesa.

Avrete di già intesa

La disgrazia dell'ospite compito,

Che per la bell'Arcadia è già fallito.

Rosanna, che non lungi ha la sua villa,

Tutti seco c'invita:

Colà l'Arcadia unita

Sarà con più giudizio,

E con noi condurremo anco Fabrizio.

LIND.

Oh povero Fabroni!

Me ne dispiace assai; ma non ci penso,

Perché se ci pensassi,

Forse per compassion m'attristerei,

E attristandomi un poco, io morirei.

 

Non voglio affanni al core,

Non vuò pensare a guai,

Non ci ho pensato mai,

E non ci penserò.

Io son d'un certo umore,

Che par che mesta sia,

pur malinconia

Dentro il cor mio non ho. (parte)

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License