Carlo Goldoni
L'arcadia in Brenta

ATTO TERZO

SCENA DECIMA   Giacinto, poi Rosanna

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA DECIMA

 

Giacinto, poi Rosanna

 

GIAC.

Può darsi ch'ella sia

Allegra più di quel ch'ognuno crede,

Ma fa morir d'inedia chi la vede

ROS.

Giacinto, il tutto è pronto.

Preparato è il burchiello,

Mandato avanti ho i servitori miei;

Che veniste voi meco io bramerei.

GIAC.

Non ricuso l'onor che voi mi fate.

ROS.

Anzi, se non sdegnate,

Quando nella mia casa voi sarete,

Io farovvi padrone, e disporrete.

GIAC.

Io, Rosanna, perché?

ROS.

Perché se veri

Son quei detti di ieri...

Basta, di più non dico.

GIAC.

Sì, mia cara, v'intendo,

E da voi sol la mia fortuna attendo. (parte)

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License