Carlo Goldoni
Arcifanfano re dei matti

ATTO TERZO

SCENA SECONDA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA SECONDA

 

Madama Gloriosa e detto.

 

GLOR.

Ecco lo sprezzator di mia bellezza.

MALG.

Madama, vi son schiavo.

GLOR.

In man che cosa avete?

MALG.

Un tesor, se il volete;

Ma voi non vi degnate;

Ma voi l'oro e l'argento ricusate.

GLOR.

Lo prenderò, con patto

Che dite ch'io son bella fra le belle.

MALG.

Splendete come il sol tra tante stelle.

GLOR.

Ora contenta io sono.

MALG.

Prendetelo, mia cara, io ve lo dono. (le lo scrigno, e parte)

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License