Carlo Goldoni
Arcifanfano re dei matti

ATTO TERZO

SCENA SESTA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA SESTA

 

Arcifanfano, poi Madama Semplicina

 

ARC.

Che diavolo ha quest'oro?

Pare che sia fatato :

Si vede ch'è denar mal acquistato.

Ma io che sono il re,

Io ne posso disporre a modo mio;

A Semplicina mia dar lo vogl'io.

Eccola che sen viene.

Presentarlo conviene

All'amorose piante,

Come s'io fossi un cavalier errante.

(Frattanto che si fa il ritornello dell'aria, viene Madama Semplicina)

 

Idolo mio diletto,

Mi levo il cor dal petto,

E lo consegno a te.

Prendilo, o bella,

Prendilo, o cara,

Ch'io sono il re.

Unico mio tesoro,

Ahi, per te languo e moro.

Cosa sarà di me?

Prendilo, o bella,

Prendilo, o cara,

Sono il tuo re. (le lascia lo scrigno, e parte)

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License