Carlo Goldoni
Aristide

SCENA NONA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA NONA

 

Atrio magnifico con archi e statue.

 

Bellide e Carino

 

BELL.

Maritino mio caro,

Or che uniti ci siamo in matrimonio,

Non vuò più che serviamo;

La vita del servir troppo è stentata,

Non conferisce a gente maritata.

CAR.

Ma come viveremo?

BELL.

Oh che ignorante!

D'una donna industriosa sei marito,

E puoi temere che ci manchi il vito?

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License