Carlo Goldoni
Aristide

SCENA DECIMA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA DECIMA

 

Xerse, Guardie e detti.

 

XER.

Olà.

CAR.

Bellide, aiuto.

XER.

Dimmi, recasti il foglio?

CAR.

Signor sì, signor no. (Che brutto imbroglio!)

XER.

Ad Arsinoe, fellon, non l'hai recato?

CAR.

Dirò la verità: mi fu rubbato.

XER.

Servo indegno, morrai. Tosto uccidete,

Miei custodi, il ribaldo.

CAR.

Aimè meschino!

BELL.

Temerari, insolenti,

Se alcuno farà oltraggio al mio consorte,

Saprò con le mie man darvi la morte.

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License