Carlo Goldoni
L'avaro

ATTO SOLO

Scena Dodicesima. Donna Eugenia, poi il Conte

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

Scena Dodicesima. Donna Eugenia, poi il Conte

 

EUG. Uno dei due senz'altro. Per verità, mi appiglierei più volentieri al partito del Cavaliere. Ma sono in parola di dipendere dalla scelta di Don Ambrogio. Ecco il Conte: senz'altro è questi che mandami Don Ambrogio, questi è lo sposo che mi destina.

CON. Perdonate, se sono ad incomodarvi.

EUG. Conte, ho motivo di consolarmi con me medesima.

CON. Di che, signora?

EUG. Don Ambrogio mi ha detto...

CON. Don Ambrogio è un villano, e del trattamento indegno che fece alla mia persona, e che medita di voler fare alla vostra, farò che, a suo malgrado, ne renda conto.

EUG. Non accorda egli le nostre nozze?

CON. All'incontrario: l'avidità di possedere la vostra dote, fa ch'ei procuri di attraversarvi ogni partito, e giunse a perdere a me il rispetto.

EUG. Resto maravigliata; mi ha pure egli detto... (da sé) (Veggo il Cavaliere che viene. Sicuramente sarà codesto il prescelto).

CON. Che vi ha egli detto, signora?

EUG. Conte, voi sapete la mia indifferenza...

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License