Carlo Goldoni
Le avventure della villeggiatura

ATTO TERZO

Scena Prima. Brigida e Paolino

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

ATTO TERZO

 

Scena Prima. Brigida e Paolino

 

Boschetto.

 

BRIGIDA: Qui, qui, signor Paolino. Fermiamoci qui, che godremo un poco di fresco.

PAOLINO: Ma se il padrone mi cerca, e non mi trova...

BRIGIDA: Ora sono tutti in sala a pigliare il caffè. Dopo il caffè si metteranno a giocare. State un poco con me, se non vi dispiace la mia compagnia.

PAOLINO: Cara signora Brigida, la vostra compagnia mi è carissima.

BRIGIDA: Propriamente desiderava di star con voi mezz'oretta.

PAOLINO: Bisogna poi dire la verità, in campagna si possono trovare più facilmente dei buoni momenti, delle ore libere, dei siti comodi per ritrovarsi a quattr'occhi.

BRIGIDA: Li trovano le padrone e i padroni? Li possiamo trovare anche noi.

PAOLINO: Sì, è vero, nascono in villa di quegli accidenti, che non nascerebbono facilmente in città.

BRIGIDA: N'è nato uno alla mia padrona degli accidenti, che dubito se ne voglia ricordar per un pezzo.

PAOLINO: Che cosa le è accaduto?

BRIGIDA: Mi dispiace che non posso parlare; del resto sentireste delle cose da far arricciar i capelli.

PAOLINO: Qualche cosa certo convien dir che sia nato. Il mio padrone è agitatissimo; la signora Giacinta pare stordita. Io sono stato dietro di loro, come sapete, a servire a tavola; e so che in tutti e due non hanno mangiato un'oncia di roba.

BRIGIDA: E chi era dall'altra parte della mia padrona?

PAOLINO: Il signor Guglielmo.

BRIGIDA: Maladetto colui! non la vuol finire. Vuol essere la rovina di questa casa.

PAOLINO: Vi è qualche imbroglio forse fra lui e la vostra padrona?

BRIGIDA: Eh! no, non c'è niente. E la signora Vittoria dov'era?

PAOLINO: Vicino anch'essa al signor Guglielmo.

BRIGIDA: Guardate che galeotto! Andarsi a mettere in mezzo di tutte e due.

PAOLINO: Di quando in quando con quella sua patetichezza diceva qualche parola alla signora Giacinta; ma non ho potuto capire.

BRIGIDA: Se n'è accorto il signor Leonardo?

PAOLINO: Una volta mi pare di sì. Tant'è vero, che nel darmi il tondo da mutare, l'ha fatto con tal dispetto, che ha urtato nella spalla della signora Giacinta, e le ha un poco macchiato l'abito.

BRIGIDA: Le ha macchiato l'abito nuovo? Avrà dato nelle furie la mia padrona.

PAOLINO: No, no, se l'è passata con somma disinvoltura.

BRIGIDA: È molto; si vede bene che qualche cosa le sta nel cuore più dell'abito.

PAOLINO: Anzi il padrone la volea ripulire, ed ella non ha voluto.

BRIGIDA: Eppure la pulizia è la sua gran passione. Oh povera fanciulla! È fuor di sé propriamente.

PAOLINO: Ci gioco io, che l'occasione ed il comodo l'ha fatta innamorare del signor Guglielmo.

BRIGIDA: Eh! via, che diavolo dite? Vi pare? Non è ella promessa al signor Leonardo? Non ci sono dei discorsi fra il signor Guglielmo e la signora Vittoria?

PAOLINO: Oh! io credo che la mia padrona si lusinghi assai male. Non faceva a tavola che tormentar il signor Guglielmo, ed egli non le dava risposta, non le badava nemmeno.

BRIGIDA: E parlava colla mia padrona?

PAOLINO: Sì, qualche volta colla bocca, e qualche volta col gomito, e qualche volta coi piedi.

BRIGIDA: Cospetto di bacco! Se fossi stata io, dove eravate voi, non so se mi sarei tenuta di dargli il tondo sul capo.

PAOLINO: Vedete? Se non ci fossero delle cose fra loro, non ci sarebbe bisogno che deste voi in queste smanie.

BRIGIDA: Orsù, parliamo d'altro. La vecchia sarà stata vicina a quel drittaccio di Ferdinando.

PAOLINO: Sì, certo; e non faceva che dirgli delle cosette tenere ed amorose, ed egli mangiava, o piuttosto divorava, che pareva fosse digiuno da quattro giorni.

BRIGIDA: E la povera padrona non mangiava niente?

PAOLINO: Come poteva ella mangiare, s'era angustiata fra lo sposo e l'amante?

BRIGIDA: Eh! via, lasciamo questi discorsi. Come si sono portate a tavola la signora Costanza e la signora Rosina?

PAOLINO: Eh! non si sono portate male; ma chi ha fatto bene la parte sua, quasi quanto il signor Ferdinando, è stato quella cara gioia del signor Tognino.

BRIGIDA: Era vicino alla sua Rosina?

PAOLINO: Ci s'intende, e come se la godevano! Hanno sempre parlato sottovoce fra loro due, che era una cosa che faceva male allo stomaco.

BRIGIDA: Anche quello è un matrimonio vicino.

PAOLINO: Per quel che si vede.

BRIGIDA: Anche quella è un'amicizia fatta in villeggiatura. Se la signora Rosina non veniva qui, difficilmente in Livorno si sarebbe maritata, ed io, in tanti anni che ci vengo, sono ancora così. Convien dire, o che non abbia alcun merito, o che sia sfortunata.

PAOLINO: Signora Brigida, avete desiderio di maritarvi?

BRIGIDA: Ho anch'io quel desiderio che hanno tutte le fanciulle che non si vogliono ritirare dal mondo.

PAOLINO: Quando si vuole, si trova.

BRIGIDA: Per me, so che non l'ho ancora trovato; eppure son giovane. Bella non sono, ma non mi pare di esser deforme: dell'abilità ne ho quant'un'altra, e forse più di tant'altre. Per dote, fra denari e roba, tre o quattrocento scudi non mi mancano. Eppure nessun mi cerca, e nessun mi vuole.

PAOLINO: Mi dispiace che devo andar via, per altro vi direi qualche cosa su questo proposito.

BRIGIDA: Dite, dite, non mi lasciate con questa curiosità.

PAOLINO: È peccato che perdiate così il vostro tempo.

BRIGIDA: Avreste qualche cosa voi da propormi?

PAOLINO: Avrei io... ma...

BRIGIDA: Ma che?

PAOLINO: Non so se fosse di vostro genio.

BRIGIDA: Quando non ho da prendere un galantuomo, un uomo proprio e civile come siete voi, voglio star piuttosto così come sono.

PAOLINO: Signora Brigida, ci parleremo.

BRIGIDA: Questa sera, in tempo della conversazione.

PAOLINO: Sì, avremo quanto tempo vorremo. Verrò da voi, verremo qui nel boschetto.

BRIGIDA: Oh! di notte poi nel boschetto...

PAOLINO: Via, via, ho detto così per ischerzo. Son galantuomo, fo stima di voi, e spero che le cose anderanno bene.

BRIGIDA: Voi mi consolate a tal segno...

PAOLINO: Addio, addio. A questa sera (Parte.)

BRIGIDA: Chi sa che la campagna in quest'anno non produca qualche cosa di buono ancora per me? (Parte.)


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License