Carlo Goldoni
Le avventure della villeggiatura

ATTO TERZO

Scena Quinta. Filippo e Vittoria

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

Scena Quinta. Filippo e Vittoria

 

Camera in casa di Filippo.

 

VITTORIA: Favorisca, signor Filippo. Ho piacer di dirle due parole qui in questa camera, che nessuno ci senta.

FILIPPO: Sì, volentieri. Già io in sala ci sto come una statua. Giocano al faraone, ed io al faraone non gioco.

VITTORIA: Fatemi grazia. Presentemente la signora Giacinta dov'è?

FILIPPO: Io non so dove sia. Io non le tengo dietro. Oh! sì, che in campagna si può tener dietro a voialtre fanciulle.

VITTORIA: E il signor Guglielmo dov'è?

FILIPPO: Peggio. Volete ch'io sappia dove vanno tutti quelli che sono in casa da me?

VITTORIA: Il punto sta, signore, che mancano tutti e due.

FILIPPO: E chi sono questi due?

VITTORIA: Il signor Guglielmo e la signora Giacinta.

FILIPPO: E che importa questo? Uno sarà in un loco, e l'altra sarà nell'altro.

VITTORIA: E se fossero insieme?

FILIPPO: Oh! in materia di questo poi, mia figlia non è una frasca.

VITTORIA: Io non dico diversamente. Ma so bene che alla tavola, dove ora si gioca, non si fa che parlare di questa cosa; e vedendo che sono tutti e due spariti...

FILIPPO: Spariti?

VITTORIA: Mancano tutti e due, e non si sa dove siano.

FILIPPO: Cospetto! cospetto! Cosa dice il signor Leonardo?

VITTORIA: Mio fratello è andato in traccia di loro.

FILIPPO: Se scopro niente... Se me ne accorgo... Vo' andare in questo momento... Ma ecco il signor Leonardo, sentiremo qualche cosa da lui.

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License