Carlo Goldoni
Le avventure della villeggiatura

ATTO TERZO

Scena Sesta. Leonardo e detti

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

Scena Sesta. Leonardo e detti

 

LEONARDO: Signor Filippo, mi fareste il piacere di permettermi ch'io scrivessi una lettera?

FILIPPO: Accomodatevi. vi è carta, penna e calamaio.

VITTORIA: (Mi pare torbido. Vi dovrebbero essere delle novità).

FILIPPO: Ditemi un poco, signor Leonardo, sapete voi dove sia mia figliuola?

LEONARDO: Sì, signore. (Accomodandosi al tavolino.)

FILIPPO: E dov'è?

LEONARDO: Giù in sala. (Come sopra.)

FILIPPO: E dov'è stata finora?

LEONARDO: Era andata a visitar la castalda, che la notte passata ha avuto un poco di febbre. (Come sopra.)

FILIPPO: E con chi è andata?

LEONARDO: Sola.

FILIPPO: È andata sola?

LEONARDO: Sì, signore.

FILIPPO: Non è andato il signor Guglielmo con lei?

LEONARDO: E perché il signor Guglielmo doveva andare con lei? Non può andar sola dalla castalda? E se aveva bisogno di compagnia, non c'era io da poterla servire?

FILIPPO: Sentite, signora Vittoria?

VITTORIA: Avete pure sentito in sala cosa dicevano. So pure che anche voi eravate fuor di voi stesso. (A Leonardo.)

LEONARDO: Presto si pensa male, e con troppa facilità si giudica indegnamente. Sono stato io a rintracciarla. L'ho trovata sola dalla castalda, e l'ho servita a casa io medesimo. (Vuol il dovere che così si dica. Tutti non sarebbero persuasi del motivo che li faceva essere nel boschetto; intieramente non ne son nemmen io persuaso). (Principiando a scrivere.)

FILIPPO: Ha sentito, signora Vittoria? Mia figlia non è capace...

VITTORIA: E il signor Guglielmo è tornato? (A Leonardo.)

LEONARDO: È tornato. (Scrivendo.)

VITTORIA: E dov'era andato? (A Leonardo.)

LEONARDO: Non lo so. (Come sopra.)

VITTORIA: Sarà stato a visitare il castaldo. (A Leonardo, ironica.)

LEONARDO: Prudenza, sorella, prudenza. (Come sopra.)

VITTORIA: Io ne ho poca, ma non vorrei che voi ne aveste troppa. (A Leonardo.)

LEONARDO: Lasciatemi terminar questa lettera.

VITTORIA: Scrivete a Livorno?

LEONARDO: Scrivo dove mi pare. Signor Filippo, la supplico d'una grazia: favorisca mandar uno de' suoi servitori a cercar il mio cameriere, e dirgli che venga subito qui, e se non mi trovasse più qui, che verso sera sia alla bottega del caffè, e che non manchi.

FILIPPO: Sì, signore, vi servo subito. (Signora Vittoria, pensi meglio di me, e della mia famiglia, e della mia casa. Basta! A buon intenditor poche parole.) (Parte.)

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License