Carlo Goldoni
Le avventure della villeggiatura

ATTO TERZO

Scena Nona. Vittoria e Brigida

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

Scena Nona. Vittoria e Brigida

 

VITTORIA: Dite, Brigida. Dov'è stata oggi dopo pranzo la vostra padrona?

BRIGIDA: Che vuol ch'io sappia? Non so niente io.

VITTORIA: Come sta la castalda?

BRIGIDA: La castalda? Io credo stia bene.

VITTORIA: Non ha avuto la febbre la notte passata?

BRIGIDA: Oh! la febbre. Se ha aiutato anch'ella in cucina per il pranzo d'oggi.

VITTORIA: (Se lo dico! Tutti m'ingannano, tutti mi deridono, ma mi fa specie quello sciocco di mio fratello).

BRIGIDA: Non va ella cogli altri al caffè?

VITTORIA: Sono ritornati insieme il signor Guglielmo e la signora Giacinta?

BRIGIDA: Oh! io non so niente. A me non si domandano di queste cose. La mia padrona è una signora onesta e civile, e se vi sono dei giovani poco di buono, non si può dar la colpa alle persone savie e da bene. Se vuol andar, vada, se non vuole, io ho fatto il mio debito. (Parte.)

VITTORIA: Tanto più mi mette in sospetto. Basta, da qui a sera c'è poco. Sentirò che cosa m'ha da dire Leonardo. Taccio, taccio; ma se mi fanno parlare, s'hanno da sentire di quelle cose che non si sono mai più sentite. (Parte.)

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License