Carlo Goldoni
L'avventuriere onorato

ATTO PRIMO

SCENA TERZA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA TERZA

 

Don Filiberto e detta.

 

FIL. Signora donna Aurora, questo forestiere quando se ne va di casa nostra?

AUR. Non dubitate. Ha detto che fra otto o dieci giorni ci leverà l’incomodo.

FIL. Sono quattro mesi che va dicendo così. L’abbiamo ricevuto in casa per otto giorni, e sono quattro mesi.

AUR. Abbiate un poco di convenienza. Se abbiamo fatto il più, facciamo anche il meno.

FIL. Ma in qual linguaggio ve l’ho da dire? M’intendete ch’io non so più come fare? Che non ho denari? Che non voglio fare altri debiti per causa sua?

AUR. Per oggi ho dato io uno scudo da spendere.

FIL. E domani come faremo?

AUR. Domani qualche cosa sarà. (Se venissero le venti doppie di donna Livia). (da sé)

FIL. Se non foste stata voi, l’avrei licenziato subito.

AUR. Avreste fatto una bella finezza a que’ due cavalieri napolitani, che ve l’hanno raccomandato.

FIL. Quelli sono andati via, e nessuno mi quattrini per provvedere la tavola d’ogni giorno.

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License