Carlo Goldoni
L'avventuriere onorato

ATTO PRIMO

SCENA NONA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA NONA

 

Camera in casa di donna Livia.

Donna Livia, poi il di lei paggio.

 

LIV. Ecco, quattro partiti di matrimonio mi si offeriscono, ma niuno di questi mi nel genio, credendoli tutti appassionati, non già per me, ma per l’acquisto della mia dote. O goder voglio la libertà vedovile, o se nuovamente ho da legarmi, far lo voglio per compiacermi, e non per sacrificarmi. Oh, se quel Veneziano che è in casa di donna Aurora, fosse veramente una persona ben nata, come dimostra di essere, quanto volentieri lo sposerei! Ancorché fosse povero, non m’importerebbe; diecimila scudi l’anno di rendita, che mi ha lasciato mio padre, basterebbono anche per lui. Spero che quanto prima colle lettere di Venezia potrò assicurarmi del vero.

PAGG. Signora.

LIV. Che c’è?

PAGG. È qui la signora donna Aurora. È smontata, ed ha salito mezze le scale.

LIV. È sola?

PAGG. Non signora. È in compagnia d’un forestiere.

LIV. Sarà quello che sta in casa con lei. Non lo conosci?

PAGG. Oh, se lo conosco! E come! Se ne ricordano le mie mani.

LIV. Le tue mani? Perché?

PAGG. In Messina, dove io sono stato, egli faceva il maestro di scuola, e mi ha date tante maledette spalmate.

LIV. Faceva il maestro di scuola?

PAGG. Signora sì, e ora che mi ricordo, mi ha anche dato due cavalli. E sa ella dove? Se non fosse vergogna, glielo direi.

LIV. (Il maestro di scuola! Non vi è gran nobiltà veramente). (da sé) Eccoli. Fa che passino. (al Paggio)

PAGG. (Se mi desse ora le spalmate e i cavalli, gli vorrei cavare un occhio). (da sé, parte)

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License