Carlo Goldoni
L'avventuriere onorato

ATTO SECONDO

SCENA PRIMA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

ATTO SECONDO

 

 

 

SCENA PRIMA

 

Camera in casa di don Filiberto.

Don Filiberto, poi Berto con una lettera.

 

FIL. Mia moglie non fa che tormentarmi a causa di questo forestiere; non è mai contenta del trattamento ch’io gli fo. Non farebbe tanto, se fosse un nostro parente. Basta: conosco donna Aurora; so ch’è una moglie onorata; lo so, lo credo, e non mi voglio inquietare.

BER. Signore, una lettera.

FIL. Chi la manda?

BER. Favorisca d’aprirla, e lo saprà subito.

FIL. Bravo il signor dottore!

BER. (La mia dottrina non la scambierei colla sua). (da sé, e parte)

FIL. (Apre la lettera e osserva la sottoscrizione) Il Conte di Brano. Oh! che mi comanda il signor Conte? Amico, voi avete in casa un impostore, che ebbe l’ardire di passar per medico, tuttoché confessi egli medesimo di non esser tale, sagrificando al vile interesse la vita degli uomini. Io l’ho conosciuto in Gaeta, da dove sarà fuggito per la scoperta della sua impostura. La vostra casa onorata non dee prestar asilo a simil sorta di gente, onde vi consiglio scacciarlo, e se volesse resistere, assicuratevi della mia assistenza. Oh, che cosa sento! Dica ora mia moglie ciò che sa dire, da qui a quattro giorni al più, voglio per assoluto ch’ei se ne vada. Piuttosto gli renderò il suo denaro.

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License