Carlo Goldoni
L'avventuriere onorato

ATTO SECONDO

SCENA SESTA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA SESTA

 

Don Filiberto e Guglielmo.

 

FIL. Dunque voi non avete dato a mia moglie le dieci doppie?

GUGL. Vi dico, signore, che ella ha favorito me delle altre dieci.

FIL. (Come va la cosa dunque? Mia moglie avea venti doppie?) (da sé)

GUGL. (Questo è un imbroglio. Sarà meglio ch’io me ne vada). (da sé) Don Filiberto, vi sono schiavo.

FIL. Amico, scusate.

GUGL. Scusate voi l’ardire con cui...

FIL. Non parliamo altro.

GUGL. (Ora è il tempo di accettare l’esibizione della vedova; chi sa ch’ella non mi aiuti davvero? Tutto il male non vien per nuocere). (da sé, e parte)

FIL. Venti doppie? Venti doppie? Di dove le può aver avute? Io non sono mai stato geloso, ma queste venti doppie mi farebbero far de’ lunari. (parte)

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License