Carlo Goldoni
L'avventuriere onorato

ATTO SECONDO

SCENA TREDICESIMA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA TREDICESIMA

 

Donna Livia ed Eleonora.

 

LIV. (Eppure mi muove ancora a pietà). (da sé)

ELEON. Infelice Guglielmo! Oimè! per mia cagione ti sarai tu medesimo precipitato? Ma qualunque sia il tuo destino, teco mi avrai a parte. Ti seguirò per tutto... (in atto di partire)

LIV. Fermatevi. Tralasciate di piangere e ritiratevi in quella stanza.

ELEON. No, signora, non lo sperate. Voglio seguitare il mio sposo.

LIV. Se amate Guglielmo, se avete premura del di lui bene, non partite di qui per ora.

ELEON. Oh cielo! Che volete voi far di me?

LIV. Una donna onorata non può che procurar di giovarvi.

ELEON. Perché licenziar di casa vostra Guglielmo?

LIV. Perché in casa mia riunir non voglio due amanti dopo essere stati per quattro mesi disgiunti.

ELEON. Vi ritornerà egli?

LIV. Sì, forse vi tornerà.

ELEON. Abbiate compassione di noi.

LIV. Ritiratevi, e non dubitate.

ELEON. Cieli, a voi mi raccomando. (parte)

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License