Carlo Goldoni
L'avventuriere onorato

ATTO TERZO

SCENA PRIMA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

ATTO TERZO

 

 

 

SCENA PRIMA

 

Camera in casa di donna Livia.

Donna Livia ed Eleonora.

 

LIV. Dunque mi assicurate che il signor Guglielmo sia una persona ben nata?

ELEON. Sì, signora, ve lo dico con fondamento e ve lo posso provare.

LIV. Come potete voi provarlo?

ELEON. In Napoli aveva egli tutti quegli attestati che potevano giustificare l’esser suo, la sua nascita, le sue parentele e lo stato vero della sua famiglia. A me nella di lui partenza sono restate tutte le robe sue. Fra queste vi sono i di lui fogli, de’ quali sono io depositaria, e li ho meco portati per renderli a lui, che forse sarà in grado di adoperarli, per darsi a conoscere in un paese ove non sarà ben conosciuto.

LIV. Voi colla vostra venuta avete fatto nello stesso tempo un gran bene e un gran male al vostro Guglielmo.

ELEON. Del bene che gli posso aver fatto, ho ragione di consolarmi; siccome rattristarmi io deggio, per il male che mi supponete avergli io cagionato.

LIV. Sì, un gran bene sarà per lui l’essere in Palermo riconosciuto: ma un rimarcabile pregiudizio gli reca l’essere con voi impegnato.

ELEON. Perché, signora, dite voi questo?

LIV. Perché, se libero egli fosse, sperar potrebbe le nozze di una femmina, la quale non gli porterebbe in dote niente meno di diecimila scudi d’entrata.

ELEON. Oh cieli! Guglielmo è in grado di conseguire un tal bene?

LIV. Sì, ve lo assicuro. Quand’egli provi la civiltà dei natali, può disporre di una sì ricca dote.

ELEON. Ed io sarò quella che gli formerà ostacolo ad una sì estraordinaria fortuna?

LIV. Sino ch’egli è impegnato con voi, non può dispor di se stesso.

ELEON. Oimè! Come viver potrei senza il mio adorato Guglielmo?

LIV. Ditemi, gentilissima Eleonora, ha egli con voi altro debito, oltre quello della fede promessa?

ELEON. No certamente. Sono un’onesta fanciulla. E se caduta sono nella debolezza di venir io stessa a rintracciarlo in Palermo, venni scortata da un antico fedel servitore, e trasportata da un eccesso d’amore.

LIV. Voi non vorrete perdere il frutto delle vostre attenzioni.

ELEON. Perderlo non dovrei certamente.

LIV. Quand’è così, sposate Guglielmo, e sarete due miserabili.

ELEON. mio cuore! Egli si trova fieramente angustiato.

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License