Carlo Goldoni
L'avventuriere onorato

ATTO TERZO

SCENA SECONDA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA SECONDA

 

Targa cameriere, e dette.

 

TAR. Signora, queste venti doppie le manda la signora donna Aurora, ed il signor Guglielmo le ha portate sino alla porta.

LIV. Che ha egli detto nel dare a voi questa borsa?

TAR. Mi ha ordinato di dirle espressamente, che le invia una donna d’onore e le porta un giovine sfortunato.

LIV. Perché non viene egli stesso a recarmele di sua mano?

TAR. Non saprei, signora...

LIV. Andate; cercatelo, e ditegli che si lasci da me vedere.

TAR. Sarà servita. (parte)

LIV. Ah, signora Eleonora! Guglielmo merita una gran fortuna; il cielo gliela offerisce, e voi gliela strappate di pugno.

ELEON. Voi mi trafiggete, voi mi uccidete. Ditemi, che far potrei, per non essere la cagione della sua rovina? Potrei sagrificar l’amor mio; potrei perdere il cuore; potrei donargli la vita; ma come riparare all’onore? Come rimediare ai disordini della mia fuga? Che sarebbe di me, sventurata ch’io sono?

LIV. Venite meco, e se amate veramente Guglielmo preparatevi a far due cose per lui. La prima a giustificar l’esser suo, cogli attestati che sono in vostro potere; la seconda, e questa sarà per voi la più dura, far un sagrifizio del vostro cuore alla di lui fortuna.

ELEON. Aggiungetene un’altra: morire per sua cagione.

LIV. Se non avete valor per resistere, non lo fate.

ELEON. Voi non mi proponete una cosa da risolversi su due piedi.

LIV. Andiamo; pensateci, e ne parleremo.

ELEON. Sì, andiamo, e se il destino vuol la mia morte, si muoia. (parte)

LIV. Eh, che il dolor non uccide. Troverò il modo io coll’oro e coll’argento di acquietare Eleonora, di obbligare Guglielmo, e di consolare l’innamorato mio cuore. (parte)

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License