Carlo Goldoni
L'avventuriere onorato

ATTO TERZO

SCENA TERZA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA TERZA

 

Camera nel palazzo del Vicerè.

Il vicerè ed il conte Portici.

 

CO. PORT. Signore, a voi che siete il nostro degnissimo Vicerè, che vale a dire quella persona che rappresenta il nostro Sovrano, non parlerei senza fondamento. Non sono io solamente che abbia de’ ragionevoli sospetti contro il forestiere di cui parliamo. Tutti oramai in Palermo lo guardano di mal occhio; tutti lo trattano con riserva, e quasi tutti lo credono un impostore.

VIC. L’ho mandato a chiamare; poco può tardar a venire. Scoprirò l’esser suo; s’egli sarà persona sospetta, lo farò partire immediatamente; e se di qualche colpa sarà macchiato, lo tratterò come merita.

CO. PORT. Io credo che egli stia in Palermo facendo la caccia alla dote di donna Livia.

VIC. Non è da desiderarsi che un forestiere venga a levare una ricca dote di qui, per trasportarla altrove.

CO. PORT. Quattro mesi ha mangiato alle spalle del povero don Filiberto.

VIC. Ha trovato un uomo di buon cuore. Un povero cittadino, che qualche volta si aria di cavaliere.

CO. PORT. E quel ch’è più rimarcabile, donna Aurora è incantata dall’arte di quel ciarlone.

VIC. Conte, basta così, state certo che, se sarà giusto, lo farò partire.

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License