Carlo Goldoni
L'avventuriere onorato

ATTO TERZO

SCENA OTTAVA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA OTTAVA

 

Camera in casa di donna Livia.

Donna Livia ed Eleonora.

 

LIV. Bravissima. Siete un’eroina. Voi rinunziate all’amor di Guglielmo, ed io vi lascio in libertà di disporre di seimila scudi.

ELEON. Che volete ch’io faccia di tal danaro?

LIV. Servirà per la vostra dote; e perché non temiate di non ritrovare lo sposo, io stessa mi esibisco di procurarvelo.

ELEON. Eh, signora, chi ha bene amato un oggetto, non può assicurarsi di amarne un altro.

LIV. Non vi propongo un amante, vi propongo un marito.

ELEON. Un matrimonio senza amore sarebbe lo stesso che voler vivere sempre penando.

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License