Carlo Goldoni
L'avventuriere onorato

ATTO TERZO

SCENA QUATTORDICESIMA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA QUATTORDICESIMA

 

Donna Aurora, poi Eleonora.

 

AUR. Credevami trovar Guglielmo, e non l’ho veduto. Perfido! Se ti trovo, ti vorimproverar come meriti. È questa la gratitudine che tu hai per una che ti ha fatto del bene?

ELEON. Signora, dov’è donna Livia? Poc’anzi non era qui?

AUR. Sì, è partita ora, ed a momenti ritorna.

ELEON. (Ho già risoluto. Parlerò a donna Livia, le farò la rinunzia del cuor di Guglielmo. Ahi! che mi sento morire). (da sé)

AUR. Che avete, signora? Pare che vi rammarichiate di qualche cosa.

ELEON. Le mie disavventure non sono poche.

AUR. Chi siete voi? È lecito che io lo sappia?

ELEON. Il mio nome è Eleonora.

AUR. Di qual patria?

ELEON. Napoletana.

AUR. (Eleonora? Di Napoli?) (da sé) Ditemi: sareste voi forse l’amante di un tal Guglielmo?

ELEON. Sì, non lo nego. E questo Guglielmo come è da voi conosciuto?

AUR. Quattro mesi alloggiò egli nella mia casa. Finalmente con poco garbo si è da me allontanato, credo per cagione di quella vedova, che sarà forse il motivo della vostra disperazione.

ELEON. Siete voi da marito?

AUR. Anzi l’ho il marito. Non mi lagno della vedova per gelosia; spiacemi solo ch’ella colle sue lusinghe abbia guastato il cuore al miglior uomo del mondo.

ELEON. Ah, pur troppo me lo ha avvelenato! Io dovrò perderlo per sua cagione.

AUR. E voi lo cederete così vilmente, senza scuotervi, senza domandare giustizia?

ELEON. Non ho cuore per vederlo perdere una dote doviziosa.

AUR. Eh, semplice che siete! Chi vi ha insegnato ad amare in tal guisa? Rinunziare l’amante per fare la sua fortuna? Pensateci un poco meglio. Non vi lasciate sedurre, non vi lasciate ingannare. La vostra pace val più di tutto l’oro del mondo; e se per arricchire il signor Guglielmo, vi esponete al pericolo di morire, non siate cotanto sciocca di farlo. Non sagrificate all’altrui fortuna il vostro cuore e la vostra vita. (parte)

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License