Carlo Goldoni
L'avventuriere onorato

ATTO TERZO

SCENA SEDICESIMA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA SEDICESIMA

 

Camera nel palazzo del Vicerè.

Il Vicerè e Guglielmo.

 

VIC. Io sono talmente persuaso del vostro progetto, che domani lo spedisco a Napoli a Sua Maestà, ove son certo che sarà posto in uso, e voi avrete un premio, che vi darà uno stato mediocre per tutto il tempo di vostra vita.

GUGL. Che dice l’Eccellenza Vostra? Non è facile? Non è sicuro?

VIC. È regolato assai bene, non può fallire.

GUGL. Potrà nessuno dolersi?

VIC. No certamente; anzi tutti loderanno l’autore.

GUGL. Converrà poi ritrovare una persona onesta, capace di presiedere alla nuova incombenza.

VIC. Si troverà.

GUGL. Eccellenza, vorrei supplicarla di una grazia.

VIC. Dite pure.

GUGL. Giacché io ho avuto la sorte di proporre una cosa che l’Eccellenza Vostra crede utile per la città e per il regno, desidererei ch’ella si degnasse di eleggere, fra quei ministri che vi saranno impiegati, una persona che infinitamente mi preme.

VIC. Quando sia abile, lo farò volentieri.

GUGL. Sarà abilissimo. Questo è don Filiberto.

VIC. Bene, don Filiberto avrà la carica, e riconoscerà da voi quell’utile che al novello impiego sarà assegnato.

GUGL. Rendo le più umili grazie all’Eccellenza Vostra.

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License