Carlo Goldoni
L'avventuriere onorato

ATTO TERZO

SCENA DICIANNOVESIMA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA DICIANNOVESIMA

 

Don Filiberto e detti.

 

FIL. Eccellenza, se io ho tenuto in casa per quattro mesi quel forestiere, l’ho fatto non conoscendolo; ma s’egli è in disgrazia vostra, se ha qualche malanno addosso, io non ne so nulla; e subito che da questi signori mi è stato dato qualche motivo, non ho tardato un momento a licenziarlo di casa.

VIC. Ho inteso. E in ricompensa d’averlo voi licenziato il signor Guglielmo vi ha ottenuto la grazia di essere voi preferito in un impiego novello.

FIL. A me? (al Vicerè)

VIC. Sì, a voi.

FIL. A me? (a Guglielmo)

GUGL. Sì signore, a voi, per gratitudine di avermi per quattro mesi tenuto in casa.

FIL. Oh! siete un gran galantuomo! Signore, quando si principia la carica? (al Vicerè)

VIC. Vi è tempo. Ha da ritornare il rescritto di Sua Maestà. Ne sarete avvisato. Che dice il signor conte Portici?

CO. PORT. Dico che il signor Guglielmo è un uomo di merito, e che per coronare la sua fortuna non manca altro se non che donna Livia lo sposi. (con ironia)

GUGL. (Oh, dicesse la verità! Ma sarà difficile. L’impegno con Eleonora mi fa disperare affatto questa fortuna). (da sé)

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License