Carlo Goldoni
L'avvocato veneziano

ATTO PRIMO

SCENA SESTA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA SESTA

 

Rosaura, il dottor Balanzoni e detta.

 

BEAT. Ben venuta la signora Rosaura.

ROS. Ben trovata la signora Beatrice.

BEAT. Serva divotissima, signor Dottore.

DOTT. Le faccio umilissima riverenza.

ROS. Sono venuta a ricevere le vostre grazie.

BEAT. Mi avete fatto un onor singolare. Spero avremo una buona conversazione. Favorite; accomodatevi. Signor Dottore, s’accomodi. (Rosaura siede)

DOTT. Se la mi licenza, bisogna ch’io vada per un affare indispensabile. Ho accompagnata mia nipote, per altro io non posso restare a godere delle sue grazie.

BEAT. Mi dispiace infinitamente. Ma quando si è spicciato, torni, non ci privi della sua conversazione.

DOTT. Tornerò più presto ch’io potrò. La ringrazio della bontà ch’ella dimostra per un suo buon servitore.

BEAT. Anzi mio padrone. Dica, signor Dottore, speriamo bene circa la causa della signora Rosaura?

DOTT. Spererei che dovesse andar bene.

BEAT. La di lei virtù può tutto promettere.

DOTT. Farò certamente tutto quello che io potrò.

BEAT. E poi l’amore che ella ha per la nipote, maggiormente l’impegnerà a porvi tutto lo studio.

DOTT. È verissimo, l’amo teneramente. Ella è figlia d’un mio fratello. Sono venuto a posta da Bologna, ed ho abbandonato i miei interessi, con tanto pregiudizio del mio studio, per venire ad assistere questa buona ragazza.

BEAT. Veramente la signora Rosaura lo merita.

DOTT. Orsù, signora Beatrice, a rivederla e riverirla.

BEAT. Serva sua.

ROS. Torni presto, signor zio.

DOTT. Sì, tornerò presto; vado ad operare per voi; vado a portare al giudice la mia scrittura d’allegazione. Voglio dare una toccatina sul punto della donazione, per sentire come egli la intende; per poter questa notte trovar dell’altre ragioni, dell’altre dottrine, se non bastassero quelle che ho ritrovate sinora. Perché sogliamo dire noi altri dottori: Multa collecta probant, quae singulatim non probant. (parte)

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License