Carlo Goldoni
L'avvocato veneziano

ATTO SECONDO

SCENA TERZA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA TERZA

 

Florindo ed il Conte

 

FLOR. Aspettate, sono con voi..

CON. Signor Florindo.

FLOR. Che mi comandate?

CON. Una parola, in grazia.

FLOR. Eccomi, vi prego a non trattenermi.

CON. Oggi dunque si tratterà questa causa.

FLOR. Oggi senz’altro.

CON. Amico, il vostro avvocato vi tradisce.

FLOR. Come potete voi dirlo? Alberto è un uomo d’onore.

CON. Sì, è un uomo d’onore; ma l’amore fa precipitare gli uomini più saggi ed onesti.

FLOR. È innamorato il signor Alberto?

CON. È innamorato, perduto e pazzo della signora Rosaura.

FLOR. (Ah, ch’io non mi sono ingannato). (da sé)

CON. (Se egli lo crede, non si fiderà che tratti la sua causa). (da sé)

FLOR. Ma come ciò voi sapete?

CON. Ne sono certissimo. So quel che passa fra loro, e so che la signora Beatrice maneggia questo trattato.

FLOR. Di qual trattato intendete?

CON. Di far perdere a voi la causa, per guadagnarsi la grazia della signora Rosaura.

FLOR. (Ah scellerato!) (da sé)

CON. Perché credete ch’io abbia messo mano alla spada contro di colui? Vi ha dato ad intendere delle fandonie. Nacque la contesa perché, avendo io scoperto le sue fattucchierie, l’ho trattato da ribaldo, da traditore.

FLOR. Ma caro signor Conte, se Rosaura vince la causa, deve sposar voi; come dunque il signor Alberto ha da impegnarsi di farla vincere, acciò sia sposa d’un altro? Se le vuol bene, ha da desiderare tutto il contrario.

CON. Eh! amico, voi vedete poco lontano. Intanto gli preme che Rosaura sia ricca, che Rosaura gli sia grata, e poi non gli mancheranno cabale per toglierla a me e farla sua.

FLOR. Voi mi ponete in un laberinto di confusioni, di agitazioni, di smanie. Non so quel ch’io debba credere.

CON. Dubitate forse di mia puntualità?

FLOR. Non dubito di voi: ma mi pare di fare un gran torto al signor Alberto.

CON. E voi lasciatelo fare. Ve ne accorgerete, quando non vi sarà più rimedio.

FLOR. Possibile ch’ei mi tradisca?

CON. Ve l’assicuro.

FLOR. (E me lo confermano il ritratto, la conversazione e le sue parole). (da sé)

CON. Che risolvete di fare?

FLOR. Ci penserò.

CON. (Con un sì gran sospetto non farà correre la sua causa. Avrò tempo da maneggiarmi, e l’avvocato se n’anderà). (da sé, parte)

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License