Carlo Goldoni
L'avvocato veneziano

ATTO SECONDO

SCENA QUARTA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA QUARTA

 

 

Florindo solo.

 

FLOR. Dunque Alberto m’inganna? Parla con tanta energia dell’onore, vanta con tanto fasto la illibatezza dell’animo, sostenta con tanta forza la sua sincerità, la sua fede, e poi si lascia così facilmente subornare, si così vilmente ad una cieca passione in preda? Anima vile, cuor bugiardo, labbro mendace... Ma che faccio? Condanno a dirittura il mio difensore col fondamento delle asserzioni d’un suo e mio nemico? Non potrebbe egli tessermi quell’inganno che mi figura dal mio avvocato tessuto? Certo che sì, e con molto maggior fondamento posso temere il Conte, più dell’amico Alberto. Dunque si lasci ogni rio sospetto e si tratti la causa... Ma, oh dio! E se fosse vero che Alberto fosse colla mia avversaria contro di me congiurato? Ieri lo vidi col ritratto sul tavolino. Si turbò, si confuse e addusse dei mendicati pretesti. La sera lo ritrovo alla conversazione fra Rosaura e Beatrice, ed ora il Conte mi fa sospettare e dell’una e dell’altra. Questi sospetti uniti insieme formano quasi una certa prova della reità dell’animo del mio avvocato. Che farò? Che risolvo? Sospenderò la causa. E poi ricominciarla da capo? Orsù, voglio ritrovare l’amico Lelio. Vo’ fargli la confidenza... Ma no, Lelio difenderà un avvocato da lui propostomi, e chi sa che Lelio non sia d’accordo? Anch’egli è della conversazione. Non so che dire, non so che pensare, non so che risolvere. Quattr’ore mancano ancora al mezzo giorno, e più di otto alla trattazione della causa. Ci penserò seriamente, mi consiglierò con me stesso, e quand’altro non mi rimanga, farò una risoluzione da disperato.

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License