Carlo Goldoni
L'avvocato veneziano

ATTO SECONDO

SCENA QUINTA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA QUINTA

 

Camera d’Alberto in casa di Lelio, con tavolino e scritture.

 

Alberto senza spada e senza cappello, passeggiando con un foglio in mano,

in modo di studiar la causa; poi un Servitore

 

ALB. Se vede chiara l’intenzion d’Anselmo Aretusi. L’ha fatto la donazion in tempo che no l’avea fioli. Se l’avesse avudo fioli, nol l’averia fatta; donca, per la sopravenienza del maschio, xe nulla la donazion. Mo el padre natural l’ha dada co sta fede al padre adottivo, l’è stada pregiudicata nei beni paterni. Se questo xe l’obietto, el se resolve con somma facilità...

SERV. Illustrissimo.

ALB. Coss’è, amigo!

SERV. L’illustrissima signora Flaminia, mia padrona, supplica vossignoria illustrissima, se volesse compiacersi di passare nella sua camera, che avrebbe da dirgli una cosa di premura.

ALB. Cossa fala stamattina la vostra padrona?

SERV. Sta meglio di molto. Stanotte non ha avuta febbre.

ALB. Ho gusto da galantomo. Son a servirla; ma diseme, caro vecchio, gh’è nissun in camera da ella?

SERV. Illustrissimo sì, vi sono due signore venute a fare una visita alla padrona.

ALB. Chi ele ste do signore?

SERV. Una la signora Beatrice, e l’altra la signora Rosaura.

ALB. (Siora Beatrice e siora Rosaura?) (da sé) Sentì amigo, diseghe alla vostra padrona che la me compatissa, che son drio a studiar la causa, e che no posso vegnir.

SERV. Dirò quel che ella mi comanda.

ALB. Sior Lelio, vostro patron, ghe xelo?

SERV. Illustrissimo no, è fuori di casa.

ALB. (Tanto pezo). (da sé) Diseghe che no la posso servir.

SERV. Illustrissimo sì.

ALB. Serrè quella porta.

SERV. Sarà servita. (parte e chiude la porta)

ALB. Cossa vol dir sto negozio? Xe otto che son qua in sta casa, non ho mai visto ste do signore vegnir a far visita a siora Flaminia, benché la sia stada tutto sto tempo in letto ammalada. Le vien stamattina dopo la conversazion de giersera, le me fa chiamar, le me vol parlar? Qua ghe xe qualche mistero. Siora Rosaura s’è accorta che gh’ho per ella qualche inclinazion, e la vien fursi a tentarme colla speranza de trionfar della mia costanza. Ma la s’inganna, se la de orbarme colla so bellezza. So per altro che in te le battaglie amorose se venze più facilmente fuggendo che combattendo, onde fuggo l’occasion de vederla, per assicurarme della vittoria. Tornemo a nu. Se la donazion fusse fatta dei soli beni acquistadi dal donator, se podaria disputar se de quelli el podeva o nol podeva disponer...

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License