Carlo Goldoni
I bagni di Abano

ATTO PRIMO

SCENA DODICESIMA   Gabinetto con tavola preparata per il pranzo.   Rosina, Lisetta, Pirotto, Marubbio, poi Luciano

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA DODICESIMA

 

Gabinetto con tavola preparata per il pranzo.

 

Rosina, Lisetta, Pirotto, Marubbio, poi Luciano

 

TUTTI

Andiamo alla mensa,

E quel che dispensa

Il savio dottore,

Senz'altro timore

Mangiar si potrà.

ROS. e LIS.

E il medico poi,

Vietandolo a noi,

Il buono ed il meglio

Per lui mangerà.

TUTTI

Andiamo d'accordo,

E curi l'ingordo

La sua sanità.

 

LUC.

Eccomi, anch'io son qui.

Mi sento un gran languore,

Misto fra l'appetito e fra l'amore.

 

Come scioglie il sole ardente

Della neve i freddi umori,

Così amor coi dolci ardori

Liquefando va il mio cor.

Mie belle,

Mie care,

Avvampo d'amor.

 

Presto, presto, ch'io sento

Che bisogno mi vien di nutrimento. (siede a tavola)

Ma gli altri dove sono?

LIS.

La padrona

Non vuol venir.

LUC.

Perché?

LIS.

Perché il signor Riccardo

Non vien nemmeno lui.

ROS.

Sì, il poverino

S'ha presa gelosia,

E dubito farà qualche pazzia.

LUC.

Monsieur la Flour dov'è?

PIR.

Sen sta leggendo

Certo libraccio vecchio, e pensa, e ride,

E venire non vuol.

LUC.

Me ne dispiace

Per la mia complessione.

Solo non posso far la digestione.

Figliuoli, giacché tutti

M'hanno lasciato sol, per cortesia

Venite qui, pranziamo in compagnia.

ROS.

Per me, non mi ritiro. (siede)

LIS.

Ed io ci sono. (siede)

MAR.

Con vostra permission. (siede)

PIR.

Chiedo perdono. (siede)

LUC.

Con voi, ragazze mie

Il pranzo riescirà più saporito.

Mi farete mangiar con appetito. (siede)

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License