Carlo Goldoni
I bagni di Abano

ATTO SECONDO

SCENA DECIMA   Lisetta, poi Riccardo

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA DECIMA

 

Lisetta, poi Riccardo

 

LIS.

Povero pazzo! Sai cosa ti dico?

Muori, non muori, non m'importa un fico.

RICC.

Ah Lisetta, pietà!

LIS.

Che cosa è stato?

RICC.

M'ha la vostra padrona assassinato.

LIS.

Come? vi ha preso forse

I denari, la roba?

RICC.

Eh scioccherie!

Peggio mi ha fatto assai.

LIS.

Non crederei

Vi potesse levar la sanità.

RICC.

Ha trattato il cuor mio con crudeltà.

LIS.

Via, via, non vi è gran male.

RICC.

Ah, che soffrirlo

Certamente non posso.

LIS.

Eppur convien soffrire.

RICC.

No.

LIS.

Che volete far?

RICC.

Voglio morire.

LIS.

Questa, signore, è l'ultima pazzia.

Quando altro dir non sanno,

Tutti dicon così, ma non lo fanno.

RICC.

D'alme vili codesto è facil dono.

Troppo costante io sono,

Quando prometto affetto,

E son fedel di crudeltà a dispetto.

Traditrice Violante! E come mai

Fino sugli occhi miei

Far finezze al rival per mio martello?

Dirmi ch'è più di me vezzoso e bello?

Intenderla non so. Parmi che un sogno,

Che una larva sia questa; ed ho rossore

Di pensar che il suo cor sia traditore.

 

Mi sento ancora impressa

L'immagine nel petto

Di quel primiero affetto,

Che fu giurato a me.

Non è per me la stessa;

Pur troppo, oh Dio! lo vedo.

Eppure ancor non credo

Che priva sia di . (parte)

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License