Carlo Goldoni
La bancarotta, o sia il mercante fallito

ATTO SECONDO

SCENA SEDICESIMA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA SEDICESIMA

 

Marcone, poi Leandro ed il Dottore

 

MARC. Mi pareva impossibile che Pantalone avesse fatto giudizio. (prende il broccato sotto il braccio)

LEAN. Che fate qui voi?

MARC. Prendo la roba mia, e me ne vado.

LEAN. Da chi avete avuto quel broccato? Dalla signora Aurelia?

MARC. Non signore. L'ho avuto dal signor Pantalone, e a lui ho contato settantacinque zecchini.

LEAN. Cinquanta braccia di quel broccato a tre filippi il braccio? Con che coscienza lo prendereste?

MARC. Cosa mi andate voi discorrendo? L'ho preso da un mercante; se non me lo avesse potuto dare, non me lo avrebbe dato. Egli ha avuto il danaro, ed io mi porto meco la mercanzia; sono un galantuomo e voi, se siete di ciò malcontento, lamentatevi di vostro padre. (parte)

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License