Carlo Goldoni
La bancarotta, o sia il mercante fallito

ATTO TERZO

SCENA QUINTA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA QUINTA

 

Pantalone e Graziosa

 

PANT. Cossa fala in piè?

GRAZ. Nol so.

PANT. Xela stracca?

GRAZ. Gnor no.

PANT. No la sa dir altro che gnor sì e gnor no?

GRAZ. Gnor sì.

PANT. Via donca, che la diga qualcossa de bello.

GRAZ. Gnor sì.

PANT. Vorla che la vegna trovar a casa?

GRAZ. Gnor no.

PANT. No la gh'ha reloggio?

GRAZ. Gnor no.

PANT. Toravela questo, se ghe lo dasse? (le mostra il suo orologio)

GRAZ. Gnor sì. (con allegria)

PANT. Gnor no. (mette via l'orologio)

GRAZ. (Piange.)

PANT. La pianze? Per cossa pianzela?

GRAZ. Nol so. (piangendo)

PANT. Voravela sto reloggio?

GRAZ. Gnor sì.

PANT. Se ghelo darò, me vorala ben?

GRAZ. Gnor no.

PANT. Mo sarave ben minchion, se ghe lo dasse.

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License