Carlo Goldoni
La bancarotta, o sia il mercante fallito

ATTO TERZO

SCENA TREDICESIMA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA TREDICESIMA

 

Pantalone e detti.

 

PANT. Son qua, son qua anca mi.

LEAN. Ah! signor padre...

PANT. So tutto, fio mio, so tutto, e son contento de tutto. Sì, caro Dottor, el vostro zovene m'ha trovà, el m'ha informà de ogni cossa, e cognosso che el cielo v'ha mosso a pietà de nu, e che vu la colonna della nostra casa. Muggier, vardemose in viso, e vergognemose d'aver fatto a chi pol far pezo. Mi son contento de andar a star in campagna, e vu, se volè vegnir, vegnì; ma se vegnì, me fe un servizio, se no vegnì, me ne fe do. Me contenterò de quel poco che mio fio me darà. Caro fio, te domando perdon d'averte precipità; te prego, co ti pol, de pagar i debiti, e za che el cielo t'ha la grazia de no someggiar a to pare, consolete, ringrazielo de cuor, e fissete sempre più in tel cuor le massime bone da galantomo, e da omo da ben. Giera pentio, aveva stabilio de muar vita, de tender al sodo anca mi, ma i cattivi abiti, le occasion, e el comodo de poderlo far, m'ha un'altra volta tirà al precipizio. Xe ben che no gh'abbia più gnente da manizar. Ho gusto che abbiè revocà la procura, e merito de esser mortificà. Me consolo, fio mio, che ti te maridi e che te tocca una putta savia, discreta e amorosa. Muggier, compatime, xe ben che vegnì via con mi, perché da vu no so cossa che la poderave imparar. Soffrì che parla liberamente de vu, se parlo in te l'istessa maniera de mi. Semo stai do matti, un più bello dell'altro. Xe tempo de far giudizio. Mi son vecchio, e vu no più una putella. Andemo in campagna, retiremose dalle pompe, dalle mode, dai devertimenti. Lassemo far a chi sa, lassemo goder chi merita, e confessemo d'accordo tutti do, che el nostro poco giudizio xe quello che n'ha tratto in rovina, e che m'ha fatto falir.

AUR. Caro marito, non so chi peggio di noi...

LEAN. Non parliamo altro di cose triste. Vi supplico, signor padre...

PANT. No me fe serrar cuor più de quello che el xe. Dottor, avanti de andar in campagna, vorave aver el contento de abrazzar mia niora.

DOTT. Volentieri. Se il signor Leandro si contenta...

LEAN. Anzi mi farete il maggior piacere di questo mondo. Già le case nostre sono vicine, può venire come si trova.

DOTT. Vado subito e la conduco da voi. (parte)

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License