Carlo Goldoni
La bancarotta, o sia il mercante fallito

ATTO TERZO

SCENA QUATTORDICESIMA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA QUATTORDICESIMA

 

Aurelia, Leandro e Pantalone

 

PANT. Leandro, te voggio dar un avvertimento. Manda via subito quel furbazzo de Truffaldin, perché el xe un baron, che gh'ha tutti i vizi del mondo.

LEAN. Non mi ha dato tempo di licenziarlo. Si è licenziato da sé; è partito che non saranno due ore, colla barca di Padova.

PANT. L'ha previsto el colpo. Varda se el giera un poco de bon; fina le chiave false de bottega el gh'aveva. Tiò, e conservele per memoria. El favro che le ha fatte, el dise che a Napoli el xe stà piccà: un zorno o l'altro ghe succederà l'istesso anca a elo.

LEAN. Convien dire però che Truffaldino non sia dell'ultima scelleratezza, mentre con tutte le chiavi false non ha rubato che picciolissime cose.

PANT. Tanto per mantegnir i so vizi.

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License